Nicolò Corrente Intervista Walter Klinkon

Quando la magia incontra la crescita personale, il cambiamento diventa un gioco da ragazzi. Questa è stata per me la chiacchierata con Walter Klinkon, il mago formatore che in poco più di 45 minuti ha mostrato il suo lato più umano.

Questa è la storia di un ragazzo qualunque che ad un certo punto, sceglie.

  • Sceglie di non accontentarsi
  • Sceglie di non lasciar passare un altro anno inutilmente
  • Sceglie di non continuare a fare ciò che gli era capitato, ma di scegliersi la strada davanti a sé.

Ammetto che fino a qualche mese fa non lo conoscevo, ma grazie al mio socio Andrea, ho incrociato il suo cammino.

Ho conosciuto una persona straordinaria, normalissima, unica, con un messaggio importante da portare al mondo. #Credici

Credici perché se non ci credi tu, chi altro più di te potrà crederci?
Credici perché se non ci credi tu, nessun altro correrà in tuo aiuto.
Credici perché il cambiamento lo affronti solo credendoci ogni giorno.

In questa intervista Walter racconta i suoi inizi, come e quando ha deciso di cambiare il suo modo di vedere, affrontare la vita, e di come ha trasformato una passione in un vero e proprio lavoro.


La sua forza? Beh, per come la vedo io, come riesce a mixare benissimo simpatia, magia e ispirazione.

In questa chiacchierata con lui si ride, ci si commuove, si riflette molto e si conosce un personaggio che a mio avviso, sta lasciando e lascerà un profondo segno nel panorama della formazione e della crescita personale in Italia.

Ti auguro una buona visione, ti consiglio di iscriverti al mio canale Youtube per vederti altre interviste a personaggi che hanno un messaggio importante da portare al mondo.

Il cambiamento passa anche attraverso l’ispirazione a persone che ce l’hanno fatta

Ecco il video, ti auguro una buona visione e mi raccomando lascia un commento e dimmi cosa ne pensi!!

SEI PRONTO A CAMBIARE?

Sei pronto ad entrare nella Community degli imprenditori VERAMENTE realizzati? Iscriviti gratuitamente
ENTRA NEL GRUPPO

Lascia il primo commento